Cicatrici da Acne: una combinazione di trattamenti per il rinnovo della pelle


L’acne è una condizione clinica che può colpire tutte le età ma che perlopiù affligge giovani tra i 14 e i 30 anni con una incidenza di 1 su 4 e una prevalenza di sviluppo in età adolescenziale, quando lo stimolo ormonale sulle ghiandole sebacee risulta maggiore. Normalmente regredisce entro i 20 anni, ma può anche protrarsi in età più avanzate quando diventa ancor più aggressiva, accentuandosi nel periodo mestruale nelle donne o in concomitanza dell’assunzione di terapie ormonali.

acne

acne

Si parla di acne quando si ha una produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee che raggiunge la cute, occludendo il follicolo pilo-sebaceo e creando il cosiddetto “comedone”. I batteri colonizzano i follicoli producendo infiammazione che si manifesta con rossore, edema e iperseborrea (brufoli). Esistono, a seconda della gravità, vari tipi di acne: comedonica, più leggera, papulo-pustolosa, forma intermedia e cicatriziale o nodulo-cistica che è la forma più grave. Talvolta queste condizioni si presentano separatamente ma è più frequente riscontrare delle forme di acne mista in cui le varie condizioni coesistono tra loro.

L’approccio a questa patologia della pelle è vario a seconda della fase della malattia (acne attiva o acne spenta) e dell’età del paziente. In età giovanile e nelle fasi iniziali della malattia l’approccio è solitamente farmacologico, successivamente, soprattutto di fronte a esiti di acne attiva, si va incontro a trattamenti volti a migliorare la texture cutanea, ormai compromessa da periodi spesso lunghi di acne attiva. Ecco quindi che abbiamo a disposizione trattamenti chimici, quali i Peeling che si possono però rivelare insufficienti per l’ottenimento di un buon risultato, trattamenti ablativi quali i Laser CO2 o la Dermoabrasione, che al contrario possono risultare troppo aggressivi con alto tasso di complicanze (rischio infezioni, esiti cicatriziali o iperpigmentazioni) e lunghi tempi di ripresa post-trattamento che spesso il paziente non è disposto ad accettare.

Oggi abbiamo la possibilità di ottenere importanti risultati grazie all’utilizzo di un Laser Frazionato che ha la peculiarità di effettuare un trattamento Non Ablativo, consentendo così una ripresa immediata della vita sociale, senza il discomfort creato dai trattamenti ablativi .
Il Laser Erbium-ResurFx ha la prerogativa fondamentale di stimolare il derma a produrre collagene con lo scopo di contrastare l’atrofia cicatriziale creata dall’acne che si manifesta con le classiche lesioni tipo “boxcar”- cicatrici depresse con bordi morbidi, “rolling”- cicatrici concave a scodella con bordi più taglienti e “icepick”- cicatrici puntiformi e molto profonde. Il laser ResurFx contrasta inoltre l’azione dei batteri, inibisce la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee e grazie al suo forte potere antinfiammtorio, contrasta anche le forme di acne eritematosa persistente. Il trattamento, veloce ed efficace, assicura un’erogazione di energia precisa, omogenea e sicura ed è inoltre dotato di un raffreddamento cutaneo continuo che garantisce comfort e sicurezza ottimali per il paziente.

Il numero di sedute richieste è normalmente di 4-5, distanziate di 3 settimane l’una dall’altra e della durata di circa 20 minuti ciascuna. Subito dopo il trattamento si manifesta un arrossamento delle aree trattate che può durare da 2 a 72 ore a seconda della risposta del paziente ma che è tranquillamente camuffabile con un normale make-up.

Nel protocollo di trattamenti combinati, al fine di intensificare la stimolazione del tessuto dermico, è possibile intervallare e far precedere queste sedute da dei trattamenti di Biostimolazione a base di Acido Ialuronico, Vitamine, Aminoacidi e Antiossidanti allo scopo appunto di intensificare la produzione di neo-collagene, ridensificando il derma e donando luce e compattezza. Questo trattamento, oltre ad agire sulla texture cutanea, ne previene l’invecchiamento e contribuisce a mantenere la pelle più luminosa.
Lo schema di trattamento prevede una seduta di Biostimolazione iniziale, che potremmo definire di preparazione del terreno cutaneo per il successivo trattamento laser che verrà effettuato dopo 3 settimane e ripetuto nei 2 mesi successivi. Seguirà una nuova sessione di 1-2 sedute di Biostimolazione e 1- 2 sedute di Laser Non Ablativo, alternate tra di loro, per un totale di 6-8 incontri.

Il trattamento combinato, Laser Erbium-ResurFx+Biostimolazione consente quindi, da un lato una stimolazione termica dell’epidermide e del derma superficiale, dall’altro una stimolazione del derma profondo e dei suoi fibroblasti che vengono “attivati” a produrre neo-collagene.

In sintesi le tecnologie laser oggi a disposizione combinate con un approccio dermoristrutturante a base di acido ialuronico e complessi biostimolanti, ci consentono di contrastare l’acne e di correggerne gli esiti grazie al forte potere antiinfiammatorio e battericida, alla inibizione delle ghiandole sebacee e alla stimolazione dermica alla produzione di nuovi collagene ed elastina. Tutto ciò con poche e brevi sedute ambulatoriali, senza che sia necessario sottoporsi a terapie farmacologiche e senza che si manifestino effetti collaterali indesiderati.

** Le descrizioni, le foto dei trattamenti e degli interventi sono puramente indicative, i risultati ottenuti sia dai trattamenti di medicina estetica che dagli interventi di chirurgia plastica sono individuali e possono variare a seconda dello stato generale di ogni paziente, dell'età, della pelle, ecc... Da EsteMedica troverete specialisti che vi potranno consigliare il metodo migliore per ottenenre i risultati desiderati.